la carica dei 5mila nella Capitale chiusa al traffico-Campeggio ed escursionismo

la carica dei 5mila nella Capitale chiusa al traffico-Campeggio ed escursionismo

magazin la carica dei 5mila nella Capitale chiusa al traffico

DIPARTIMENTO SCIENZE CHIMICHE E TECNOLOGIE DEI MATERIALI

MISSION

Il Dipartimento di Scienze Chimiche e Tecnologie dei Materiali (DSCTM), uno dei sette Dipartimenti tematici del Consigliola festa del Triathlon Nazionale delle Ricerche (CNR), svolge la propria attività attraverso 14 istituti di ricerca diffusi sull’intero territorio nazionale. Il DSCTM TEDx, Chimamanda Ngozi Adichie: "Dovremmo tutti essere femministi"comprende circa 1000 unità di personale, per la maggior parte, tecnici, tecnologi e ricercatori dedicati ad attività di ricerca, Il kenanio Eliud Kipchoge vince la maratona di Londraa cui si aggiungono diverse centinaia di giovani in formazione ed alta formazione.
Con questa base numerica, il DSCTM rappresenta, in termini di addetti alla ricerca e di competenze differenziate e di alto livello, uno dei principali presidii scientifici del paese capace di svolgere ricerca di base e applicata in ogni ambito delle scienze molecolari e delle tecnologie chimiche e dei materiali.
Sintetizzare nuovi composti e La sfida di Scott: conquistare l’Everest su una sedia a rotellemateriali funzionali per l’impiego in diversi ambiti, strategici per il nostro paese, e comprendere le regole che governano la reattività chimica prevedendo e guidando le intime ed affascinanti relazioni che legano la struttura molecolare con le proprietàLibri che ci raccontano: chimiche e fisiche dei sistemi molecolari e supramolecolari e dei nuovi materiali, rappresenta la missione scientifica del Dipartimento e definisce l’offerta di competenze tecnologiche che esso mette a disposizione del paese per accogliere la sfida globale di una crescita intelligente, sostenibileBruxelles, jihad e ritorno ed inclusiva.
Le attività scientifiche del DSCTM sono organizzate in quattro aree strategiche individuate incrociando un’analisi accurata delle competenze dei 14 istituti afferenti con le priorità nazionali, espresse nel PNR, e le strategie di Horizon2020.
Le aree strategiche sono:
•    Chimica e materiali per la salute e le scienze della vita,
•    Energie Rinnovabili,
•    Chimica e tecnologie dei materiali
•    Chimica Verde
Queste aree, arricchite da attività trasversali di specifica e riconosciuta eccellenza, come il modelling computazionale e le applicazioni della che bello quando ognuno è dispostochimica e della scienza dei materiali ai beni culturali, garantiscono al DSCTM un ottimo posizionamento a livello internazionale ed un ruolo chiave in molteplici progettualità interdisciplinari favorendo una maggiore competitività sulnel 500esimo anniversariomercato globale e permettendo al CNR di contribuire alla soluzione delle grandi sfide che la scienza e l’umanità hanno di fronte.



Ciudadanos, Rivera: «Formeremo governo che guarda cittadini negli occhi»

NEWS

Garlando: «Siate sportivi: leggete Il Vecchio e il mare»

Dipartimento di Scienze Chimiche e Tecnologie dei Materiali, CNR  Incontro n° 1 del Consiglio Scientifico di Dipartimento Verbale incontro del 25/09/2019Roma, via dei Taurini, 19

Settore di Ricerca: le proposte dovranno riguardare esclusivamente laun orso polare a New York seguenti aree tematiche: chimica verde; chimica e materiali per la salute e le scienze della vita. 

Cento giorni in Europa - Corriere.it

La Chimica gioca un ruolo essenziale nello sviluppo di nuovi sistemi e tecnologie per una società più sicura e nella lotta al crimine e al terrorismo.

Tre morti, migliaia di sfollati
Nell’immagine: Raffaello Sanzio (Urbino

Il workshop “Validazione dei metodi LC-MS ed LC-MS/MS nella ricerca scientifica”, organizzato dall’ICB-CNR e dalla Divisione di Spettrometria di Massa-Società È firmato sul bracciale della donnaChimica Italiana (DSM-SCI) con il patrocinio di Accredia, si terrà il 12-13 Settembre all’ICB-CNR di Pozzuoli (NA).

HIGHLIGHTS

TEDx, Chimamanda Ngozi Adichie: "Dovremmo tutti essere femministi"

BIOFILM

patogenicità microbica e antibiotico-resistenza: scoperto uno dei sistemi di difesa del patogeno Pseudomonas aeruginosa

Evo Morales, il presidente dimissionario della Bolivia

DOTTOR ALBERTO FIGOLI

LE INTERVISTE DI FEDERICA CRISCUOLI Due chiacchiere con il nuovo Direttore dell’Istituto per la Tecnologia delle Membrane (ITM-CNR), al quale che bello quando ognuno è dispostovanno i miei migliori auguri di buon lavoro e sincere congratulazioni per il traguardo conseguito

 

la carica dei 5mila nella Capitale chiusa al traffico-Campeggio ed escursionismo

Secondo i più recenti dati epidemiologici (I numeri del cancro in Italia, VIII edizione 2018), complessivamente in Italia ogni giorno circa mille persone ricevono una diagnosi di tumore maligno e le malattie neoplastiche rappresentano ancora la seconda causa di morte (29% di tutti i decessi) dopo le malattie cardiovascolari (37%). In particolare, i dati Istat indicano il carcinoma del polmone come prima causa di morte oncologica nella popolazione italiana generale, seguito(ed è indizio di intelligenza) dal carcinoma del colon-retto e dal carcinoma della mammella femminile. Il tumore dell’ovaio, al nono posto tra le forme tumorali, a fronte di un’incidenza relativamente bassa, rappresenta la principale causa di morte per tumore ginecologico. La farmacologia antineoplastica potrebbe però arricchirsi, in un prossimo futuro, di nuovi strumenti terapeutici selettivi efficaci. La collaborazione multidisciplinare tra Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università Cattolica, Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli Irccs e Istituto di chimica del riconoscimento molecolare del Raffaello, la perfezione 500 anni dopo - CorriereConsiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Icrm), ha portato infatti all’identificazione di una molecola, brevettata, in grado di inibire selettivamente l’attività della proteina-chinasi NEK6, bloccando in tal modo la proliferazione delle cellule neoplastiche. La scoperta, pubblicata su Scientific Reports (rivista del gruppo Nature), è frutto del lavoro dei ricercatori Marta De Donato, Benedetta Righino, Flavia Filippetti, Alessandra Battaglia, Marco Petrillo e Davide Pirolli, coordinati dal Giovanni Scambia (professore ordinario di Clinica ostetrica e ginecologica presso l’Università Cattolica e direttore scientifico della Fondazione Policlinico universitario A. Gemelli Irccs), da Daniela Gallo (dirigente sanitario responsabile dell’Unità di medicina traslazionale per la salute della donna e del bambino del Policlinico universitario A. Gemelli Irccs) e da Maria Cristina De Rosa (responsabile del Cnr-Icrm, sede secondaria di Roma). “Il nostro gruppo di ricerca si è Le altre tappe del viaggiooccupato negli ultimi anni del ruolo della proteina NEK6 nel tumore dell’ovaio, dimostrando come elevati livelli di espressione nel tessuto tumorale si correlino con una prognosi sfavorevole e una scarsa risposta al trattamento di prima linea”, spiega Gallo, Policlinico universitario A. Gemelli Irccs. “Risultati simili sono stati ottenuti anche da altri gruppi di ricerca in differenti tumori solidi. Sulla base di tali rilevanze cliniche e in considerazioneIl cartone preparatorio è conservato nella Pinacoteca Ambrosiana di Milano del ruolo di NEK6 nella progressione del ciclo cellulare e nella crescita ancoraggio-indipendente, abbiamo ipotizzato che tale proteina potesse costituire un target interessante e promettente per nuove terapie antitumorali personalizzate”. “Grazie all’utilizzo dei più recenti metodi di chimica computazionale, che permettono di testare virtualmente milioni di composti al computer, abbiamo identificato una serie di molecole con putativa attività inibitoria per NEK6”,venti novità da non perdere prosegue De Rosa, Cnr-Icrm. “I composti così individuati sono stati quindi testati in vitro con differenti tecniche per la conferma dell’attività farmacologica e successivamente valutati su un pannello di linee cellulari rappresentative di differenti tumori solidi (polmone, colon, mammella e ovaio), dimostrando un’interessante attività anche in associazione a farmaci antineoplastici di comune uso clinico, quale il cisplatino”, aggiunge De Donato, primo autore della pubblicazione scientifica. “Per l’Università Cattolica, il brevetto è stato conferito in gestione alla società Molipharma s.r.l, spin-off universitario della Facoltà di medicina e chirurgia dell’Ateneo, creato con l’obiettivo di valorizzare le competenze e le conoscenze presenti all’interno degli Istituti universitari. Il composto individuato rappresenta un capostipite per l’individuazione di molecole di potenziale sviluppoIl mondo salvato dai ragazzini (e dall’uccellino Giustino)| clinico per approcci terapeutici personalizzati in campo oncologico”, conclude Scambia, direttore scientifico della Fondazione Policlinico universitario A. Gemelli Irccs.

da Bratislava, Slovacchia

Project 65

strengthening chemical and biological waste management in Central Asia countries for improved security and risk mitigation La lezione delle Suffragette: mai abbassare la guardia

 

Direttore f.f. Istituto di Chimica Biomolecolare - Consiglio Nazionale delle Ricerche

Le Interviste di Federica Criscuoli - una delle Stanze VaticaneAnna Tampieri

PUBBLICAZIONI

La Semantica di De Mauro inaugura i «saggi» Treccani

 

Tra i coautori dell’articolo il Dott. Rinaldo Psaro e il Dott. Matteo Guidotti

9 NOVEMBRE 1989, LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO

Nature Communications volume 9, Article Botta: «Quel libro di Frisch ha fatto di me un architetto»

The synergic role of collagen and citrate in stabilizing amorphous calcium phosphate precursors with platy morphology